SITO UFFICIALE APD AUDAX

Sticky Post

Il nuovo sito Audax è online!

Finalmente online il nuovo sito dell’Associazione Polisportiva Dilettantistica AUDAX! Il sito vuole essere un punto di riferimento per tesserati e genitori per essere sempre informati su tutte le iniziative Audax. Condivideremo foto...
Read More

“Quante volte mi è capitato di sentire paragonare lo sport alla vita.
In effetti il paragone è calzante perchè offre diversi spunti di riflessione che mi piace riprendere in un mo mento in cui si apre la nuova stagione sportiva.
Lo sport (come la vita) è fatto di ruoli: in una associazione sportiva (un nome a caso Apd Audax!) ce ne sono tanti, tutti con una o più funzioni: c’è il Presidente, il tesoriere,il consiglio, i dirigenti, gli allenatori, i giocatori, i genitori, gli sponsor (ad esser fortunati…). Ogni ruolo determina dei compiti, ogni compito va attribuito secondo le caratteristiche di ognuno di noi.
La squadra poi è come il mondo, è composta da persone di diversa età, cultura, maturazione, carattere, storia, che si ritrovano a condividere un percorso di gioco e crescita, senza essersi scelti, dove
l’allenamento è il tempo indispensabile che serve a preparare la partita della Domenica.
Oltre ai ruoli, e qui vado ancora più al sodo, ci sono anche alcuni atteggiamenti che ci ricordano tantissimo ciò che accade nella vita di tutti i giorni. E forse è proprio questa la partita più bella che vede tutti noi
dell’Audax, con i diversi ruoli già citati, a remare sicuri in prima linea, convinti della giusta direzione
educativa intrapresa dalla nostra associazione.

Eh si, perchè:
C’è chi viene sempre agli allenamenti e chi non viene quasi mai.
C’è chi fa il giocatore ma si sente meglio dell’allenatore e chi fa l’allenatore perchè vorrebbe far migliorare i propri giocatori.
C’è chi si arrabbia con i compagni e chi si arrabbia al massimo con sè stesso.
C’è chi se la prende sempre con l’arbitro e chi gli stringe la mano a fine gara.
C’è chi, se perde, dà la colpa agli altri e c’è chi vince e condivide i meriti con gli altri.
C’è chi fa il tifo per la propria squadra e chi invece insulta e prende in giro gli avversari.
C’è chi è contento quando dà il meglio di sè e chi è contento solo quando vince.
C’è chi gioca con i compagni e fa gioco di squadra e chi invece è un “veneziano” che non la passa mai.
C’è chi ferma il gioco se un avversario si fa male e lo aiuta e chi si butta apposta per terra per fermare il gioco.
C’è chi impara dalle sconfitte e chi è disposto a tutto pur di vincere.
C’è chi fa giocare tutti perchè in fondo è un gioco e chi fa giocare solo i più bravi perchè per lui non è più un gioco.”

Quanto sopra è un estratto di alcune riflessioni che Fabio, padre di un nostro giovane atleta, ha voluto condividere con i dirigenti della nostra Associazione.
Io credo che sia bello e importante mettere in comune tali considerazioni con tutta la comunità parrocchiale, proprio perché scritte da un papà. Fabio, dopo essersi accostato alla realtà dell’Audax, per meglio comprendere le motivazioni che spingono noi dirigenti a proporre l’attività sportiva ai ragazzi e ai giovani, si è lasciato coinvolgere e ha deciso di donare le sue competenze e parte del suo tempo libero, per contribuire alla realizzazione dei nostri progetti sportivi.
Io, come presidente dell’associazione, e tutte le persone che collaborano più strettamente con me, desidero, infatti, proporre lo sport come mezzo educativo non solo ai ragazzi e ai loro genitori, ma anche agli allenatori e ai dirigenti della nostra associazione.
Siamo consapevoli del fatto che non esiste lo sport cristiano, ma che ci sono cristiani che credono nella valenza educativa dello sport, se questo è praticato con lo stile di vita trasmessoci dall’incontro con il Signore Gesù risorto.
Non nascondo le difficoltà e le incoerenze con le quali dobbiamo fare i conti, dovute ai nostri limiti e ai compromessi che le situazioni contingenti ci impongono. Anche per questo rivolgo un appello ai genitori: Venite a condividere con noi questa esperienza, come ha fatto Fabio, per quello che potete e per il tempo che avete. Aiutateci con il vostro servizio a realizzare il sogno di uno sport educativo e sano. Facciamo vivere ai nostri ragazzi una bella esperienza, così che a loro volta siano capaci di vivere e proporre quanto di positivo hanno sperimentato.
Siamo certi che un sogno vissuto insieme, vissuto in tanti, ha molte più probabilità di diventare realtà”!

Flavio, Presidente Apd Audax

– Amore aspetto un bambino
– Ma ti sembra il caso di ospitare bambini proprio stasera che gioca l’Italia?!!

Se lo sport non è stare insieme, divertirsi, crescere, vincere, perdere, entusiasmarsi, migliorarsi, giocare… allora non è sport